Una nuova tendenza nel trattamento del dolore e della rigidità articolari

L’infiammazione può essere causata dal malfunzionamento del sistema immunitario. Esiste una relazione tra la risposta immunitaria sistemica e la microflora gastrointestinale. Nel caso di rigidità autoimmune delle articolazioni, il sistema immunitario del corpo inizia ad attaccare il proprio tessuto – la sinovia che svolge una funzione importante nel corretto lavoro delle connessioni articolari.

Dopo il danno alla sinovia, il tessuto cartilagineo circostante, il tessuto connettivo, le ossa e i legamenti si deteriorano gradualmente. Tale danno può colpire ginocchia, fianchi, mani, braccia ed è causa di dolore e limitazione della mobilità articolare. Questa condizione è indicata come artrite. Indagare la quantità di marcatori specifici nel sangue può determinare se si tratta di un’infiammazione derivante da una reazione autoimmune. In questo caso, l’assunzione di alcuni supplementi può abbassare il livello dei marcatori di infiammazione, indicando che l’infiammazione si arresta e il dolore e la rigidità possono essere ridotti.

L’artrite di natura autoimmune può portare a disabilità significative e deterioramento della qualità della vita. Le misure volte alla normalizzazione della microflora intestinale al fine di mantenere la normale funzionalità del tratto gastrointestinale e del sistema immunitario, riduce significativamente la risposta immunitaria aberrante e alleviare il dolore delle articolazioni.

Fatti sui disturbi comuni:

  • Il dolore e la rigidità articolari possono essere una conseguenza della reazione del sistema immunitario che attacca la sinovia che circonda le articolazioni.
  • L’infiammazione causa l’ispessimento della sinovia, che può causare danni meccanici all’articolazione (cartilagine e ossa).
  • Tendini e legamenti che mantengono la struttura dell’articolazione possono estendersi e indebolirsi, il che porta alla rottura della geometria dell’articolazione ed è una fonte di dolore.
  • I disturbi delle articolazioni possono derivare dalla predisposizione genetica. Anche in termini di attività nocive di virus e batteri.
  • Le donne soffrono di dolori articolari più spesso degli uomini.
  • Il dolore alle articolazioni può verificarsi a qualsiasi età, tuttavia, di solito colpisce persone tra i 40 ei 60 anni di età.
  • Fattori ambientali, tipo di lavoro, fumo ed esposizione alle tossine possono aumentare la probabilità di problemi articolari.
  • Anche le persone in sovrappeso o obese sono più suscettibili alle malattie articolari.

La supplementazione di probiotici riduce il dolore articolare e facilita le attività quotidiane

Uno studio clinico è stato condotto su persone che soffrono di dolore e rigidità articolare. Lo studio è durato due mesi e consisteva nel somministrare ai pazienti una volta al giorno l’integratore probiotico Bacillus Coagulans o il placebo. I soggetti di età compresa tra 36 e 82 anni, di cui oltre l’80% erano donne, ricevevano regolarmente medicinali per il dolore articolare (anche durante una sperimentazione clinica). Alla fine dello studio, le persone che assumevano i priobiotici del Bacillus Coagulans hanno valutato che il dolore articolare fosse molto più debole e che anche l’indice di rigidità articolare fosse migliorato. Inoltre, queste persone hanno sentito una migliore qualità della camminata e attività quotidiane.

DIGESTIVE+++ contiene, tra l’altro, il Bacillus Coagulans, che supporta le reazioni antinfiammatorie al dolore articolare e alla rigidità articolare. L’uso di probiotici e prebiotici è un fattore importante che aiuta a mantenere le articolazioni in piena forma fisica ed evitare disagi e dolore e restrizioni di movimento. Questo integratore contiene anche una serie completa di enzimi digestivi che supportano la digestione completa del cibo e l’assorbimento dei nutrienti contenuti nel cibo. Risulta che la salute del colon ottenuta attraverso la benefica flora batterica intestinale è strettamente correlata alla salute generale dell’intero organismo, incluse articolazioni ben funzionanti e ossa forti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.