Quali sono i sintomi dell’infezione da coronavirus?

I coronavirus possono causare malattie respiratorie e digestive. Contribuiscono anche alle epidemie che si verificano tra mammiferi e uccelli ogni pochi anni. I primi virus di questo tipo furono rilevati a metà del XX secolo, ma causarono solo lievi malattie. Tuttavia, i primi micidiali virus della corona sono stati scoperti in Cina nel 2002 (SARS) e il successivo – anche mortale per l’uomo e gli animali – alla fine del 2019 (anche in Cina). Alcuni affermano che in entrambi i casi il virus è stato rilasciato dai laboratori in cui è stata effettuata la ricerca. È davvero vero?

coronavirus

Il nome di questi virus deriva dalla caratteristica busta che assomiglia alla corona.

Quali sono i sintomi di un’infezione virale?

I primi sintomi sono simili ai sintomi dell’influenza: mal di gola, tosse, mal di testa, febbre alta, mancanza di energia e mancanza di appetito. I virus possono essere trovati nelle secrezioni di un corpo umano o animale infetto. L’infezione può essere causata dal contatto con queste secrezioni. Il ceppo mortale del virus provoca grave insufficienza respiratoria, che può essere pericolosa per la vita. L’infezione con forme meno pericolose del virus provoca sintomi di raffreddore comuni: naso che cola e tosse. Nella maggior parte dei casi, questo tipo di infezione si risolve dopo alcuni giorni. La questione può complicarsi per i bambini e gli anziani, tra cui l’infezione può portare a polmonite o bronchite, tra gli altri. Questo scenario si applica soprattutto alle persone con sistema immunitario indebolito.

Sintomi molto più gravi si verificano in una persona infetta da tipi più pericolosi di virus. Il primo stadio dell’infezione è caratterizzato da alta temperatura, che è accompagnata da sintomi a carico dell’apparato digerente (diarrea), respiratoria (tosse) e muscolare (mialgia). L’infezione gastrointestinale può essere abbastanza grave da causare difficoltà respiratorie e persino la morte.

L’infezione da virus può verificarsi attraverso il contatto diretto. La presenza del virus è stata rilevata nel sangue, nelle feci, nelle urine e nelle secrezioni respiratorie. Per evitare l’infezione da virus, evitare il contatto diretto con una persona malata.

Come trattare un’infezione virale?

Ad oggi, non è stato inventato alcun metodo efficace per il trattamento di un’infezione virale. I preparati con prove aneddotiche sono spesso usati come agenti ad hoc. Il modo più efficace per combattere le infezioni virali è rafforzare il sistema immunitario. Il supplemento dietetico regolare IMMUNE+++ può essere uno dei modi migliori. Inoltre, è necessario applicare il principio generale di prevenzione delle infezioni virali, vale a dire evitare il contatto diretto con le persone infette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.