L’impatto della dieta sul funzionamento del sistema immunitario

Non c’è dubbio che una dieta corretta può migliorare in modo significativo il potenziale di difesa del corpo, mentre una dieta dannosa può disturbare la risposta del sistema immunitario. Il meccanismo d’azione degli ingredienti alimentari, delle vitamine e dei microelementi individuali non è ancora stato approfondito, tuttavia, sappiamo quali sono necessari per migliorare la funzione del sistema immunitario.

Sintomi di ridotta efficienza del sistema immunitario:

  • infezioni respiratorie ricorrenti,
  • gravi infezioni batteriche,
  • polmonite ricorrente,
  • piaghe sulla pelle e alterazioni infiammatorie della pelle o delle mucose,
  • diarrea di lunga durata,
  • perdita di peso.

I nutrienti ben noti che supportano il corretto funzionamento del sistema immunitario sono: acidi grassi polinsaturi, cisteina, glutammina, arginina, prebiotici, probiotici, beta-carotene, vitamina E, vitamina C, selenio. Ci sono molte fonti naturali da cui è possibile ottenere sostanze benefiche che migliorano le reazioni immunitarie.

Gli acidi grassi polinsaturi riducono il rischio di complicanze postinfettive e aumentano l’attività dei linfociti T, cellule molto importanti del sistema immunitario. Le migliori fonti di omega 3 (acido alfa-linolenico, DHA, EPA) sono principalmente pesce (merluzzo, sardine, salmone, aringa), olio di semi di lino, semi di lino, olio di colza e noci. È inoltre possibile utilizzare integratori alimentari (OMEGA+++) che consentono di fornire acidi grassi indipendentemente dalla vostra dieta.

La flora batterica intestinale è la principale fonte di forza del sistema immunitario. I probiotici e i prebiotici sono componenti della dieta che si occupano della corretta composizione della flora batterica dell’apparato digerente. I probiotici e i prebiotici adatti aumentano l’immunoglobulina A e ripristinano l’equilibrio del sistema immunitario. I componenti della dieta che migliorano la composizione della flora batterica intestinale includono gli insilati (cetrioli sottaceto, kimchi) e gli yogurt naturali non zuccherati. Naturalmente, ci sono anche integratori alimentari (IMMUNE+++), che possono aiutare ad arricchire la flora batterica intestinale e che possono aiutare a migliorare il funzionamento del sistema immunitario.

La vitamina C è un composto che tutti associano con l’immunità del corpo. Infatti, la vitamina C migliora la forza del corpo per combattere i batteri e inibisce anche l’effetto immunosoppressivo dell’istamina e ha forti proprietà antiossidanti. Le fonti più popolari di vitamina C sono: prezzemolo, ribes nero, pepe, agrumi.

Gli integratori alimentari miglioreranno il funzionamento del sistema immunitario?

Ci sono teorie che le carenze di micronutrienti (zinco, selenio, ferro, rame, acido folico, vitamine A, C, E, B6) compromettono la risposta del sistema immunitario ai rischi. A volte è difficile o impossibile fornire tutte le sostanze necessarie nei pasti quotidiani. Se sospetti che la tua dieta sia troppo povera e non soddisfi le esigenze del corpo, potresti prendere in considerazione l’assunzione di integratori minerali e preparati multivitaminici. Vale la pena sottolineare che è più utile che ingerire grandi dosi di singole vitamine per includere integratori multi-vitaminici nella dieta. Dalla ricchezza di sostanze nutritive fornite, il corpo sceglierà quelli che sono attualmente necessari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.