L’influenza dello stress sul sistema immunitario

Molti professionisti della salute confermano la stretta relazione tra la mente e il corpo. Lo stress emotivo cronico è correlato a molte malattie, tra cui disturbi allo stomaco, malattie cardiache e malattie della civiltà. Ci sono anche opinioni che lo stress influenza anche il sistema immunitario umano.

Non molto tempo fa, l’opinione generale era che i sistemi dei singoli corpi funzionassero in modo indipendente. Si riteneva che il sistema nervoso fosse responsabile del contatto con l’ambiente esterno (stress) e non avesse nulla a che fare con il sistema immunitario o il sistema endocrino. Tuttavia, numerose osservazioni cliniche hanno confermato che tra le persone esposte a stress cronico, l’incidenza di infezioni e tumori comuni – è molto più alta. Tutti hanno sicuramente sperimentato una situazione in cui la tensione nervosa prolungata ha portato a raffreddori o recidiva di herpes.

Lo stress di lunga durata indebolisce l’immunità del corpo.

I ricercatori hanno condotto uno studio volto a comprendere le interazioni tra il sistema nervoso e il sistema endocrino e il sistema immunitario. È stato scoperto che gli organi linfatici centrali e periferici (milza, timo, linfonodi) ricevono impulsi inviati dalla parte simpatica del sistema nervoso autonomo durante lo stress. È stato anche riscontrato che i linfociti hanno recettori sensibili all’adrenalina e alla noradrenalina, che sono secreti durante lo stress. Quindi, si può vedere che la relazione tra lo stress e il funzionamento del sistema immunitario non solleva dubbi.

Lo stress a breve termine, ad esempio associato all’esercizio fisico, migliora alcune funzioni del sistema immunitario ed è benefico per la salute. I benefici in questa situazione sono la stimolazione dei macrofagi che assorbono i batteri nocivi e il rafforzamento delle funzioni cellulari che eliminano le cellule infette dal virus e alcuni tipi di cellule tumorali.

La situazione è al contrario quando sperimentiamo uno stress cronico di lunga durata. L’eccesso di cortisolo indebolisce la capacità del corpo di difendersi dalle infezioni e esacerba i sintomi di allergia. Questo è il risultato di uno squilibrio tra i due principali tipi di linfociti. I linfociti TH1 sono responsabili della protezione contro i batteri e contro i virus, mentre i linfociti TH2 sono progettati per proteggere dai parassiti e partecipare a reazioni allergiche.

Un leggero aumento del livello dei glucocorticoidi migliora le difese dell’organismo. Tuttavia, dopo aver superato un certo livello critico, viene inibita l’attività delle cellule del sistema immunitario. Lo stress cronico inibisce la risposta immunitaria del corpo indipendentemente dai bisogni attuali. Pertanto, è possibile affermare con piena responsabilità che lo stress cronico è sfavorevole e interferisce con il corretto funzionamento del sistema immunitario. Di conseguenza, può portare a problemi di salute.

LAMININE – un innovativo integratore alimentare – è consigliato sia per lo stress cronico che per l’indebolimento del sistema immunitario. Il produttore suggerisce una dose di 1-3 capsule in disturbi leggeri e 4-5 capsule in disturbi gravi.

One thought on “L’influenza dello stress sul sistema immunitario

  • 18 Gennaio 2021 at 21:33

    Esistono anche miscele di erbe efficaci che fanno bene alla gestione dello stress, come lo zafferano e il tè cinese. Ma puoi anche fare a meno di erbe o integratori alimentari. Una cosa che devi fare è rinunciare alla corsa costante e imponerti obiettivi non realistici. E per il relax, consiglio lo yoga e il sesso.

    Reply

Lascia un commento